Consigli per la cucina

ASPARAGI

Gli asparagi verdi si preparano rapidamente: non è necessario sbucciare i gambi e si cuociono in cinque-otto minuti. Solo se i gambi sono molto spessi, la parte inferiore andrebbe sbucciata con l’apposito utensile, poiché la buccia si indurisce durante la preparazione. Talvolta la parte finale del gambo risulta legnosa: in tal caso è necessario tagliarne qualche centimetro.

IL CETRIOLO

Per togliere i semi, il cetriolo va tagliato a metà longitudinalmente; poi con un cucchiaino si gratta la polpa gelatinosa contenente i semi, fino alla parte di polpa soda.
Per l’acquisto tener presente che: più il cetriolo e la buccia sono duri, più il cetriolo è fresco. Il cetriolo va conservato in frigorifero. Avvolto nella plastica non si avvizzisce rapidamente. I cetrioli sono sensibili al freddo, perciò non si possono congelare. Se esposti a temperature inferiori allo zero diventano molli.

Se la ricetta lo permette, è bene non sbucciare il cetriolo, poiché la maggior parte delle vitamine è contenuta nella buccia. Tuttavia i cetrioli vanno lavati a fondo per eliminare eventuali resti di pesticidi, a meno che non siano di coltivazione biologica.

PER SEPARARE GLI SPICCHI DEGLI ARGUMI

Tagliare la buccia dell’agrume sopra e sotto. Appoggiare il frutto su una delle estremità senza buccia su un grosso piatto piano, incidere la buccia a strisce, staccarla fino alla polpa. Girare il frutto e ripetere l’operazione finché si è tolta tutta la polpa. Con il coltello incidere la pellicina bianca tra uno spicchio e l’altro. Girare la lama e staccare lo spicchio.

CAVOLO CINESE

Acquistando un cavolo cinese si dovrebbe fare attenzione che le foglie siano croccanti e sode e il gambo non sia di colore marrone. In frigorifero il cavolo, avvolto in ina pellicola di plastica, si può conservare fino a 10 giorni. Un grosso cavolo cinese può pesare fino a un chilo. Se non lo si usa tutto per preparare la ricetta, si può utilizzare il resto per pietanze calde.  Il cavolo cinese è un ottimo ingrediente per minestroni, ricette nello wok o in pentola. La parte che non si utilizza subito può anche essere scottata e poi conservata nel congelatore per circa quattro mesi.

MELOGRANO

Se non si usa la tecnica giusta, sgranare un melograno non è facile. Ecco come fare senza che il succo schizzi dappertutto.
Tagliate a metà il melograno per il lungo e riempite d’acqua una grande ciotola. Rompete le due parti tenendole immerse nell’acqua e staccate i chicchi delicatamente con le dita. I chicchi si depositano sul fondo, mentre la membrana bianca che li circonda resta a galla. È quindi facile rimuovere gli scarti che restano in superficie. Una volta scolata l’acqua con cura, nella ciotola rimarranno soltanto i semi del melograno.

CAVOLO RICCIO

Il cavolo riccio è un robusto cavolo a foglia, con foglie dure e, a seconda della varietà, dal sapore aspro. Con il primo gelo il cavolo riccio sviluppa un sapore più tenue. Prima dell’uso si possono separare le foglie dal gambo. Scottando le foglie in acqua bollente risulta più facile tagliarle.
Il cavolo riccio contiene 105 mg di vitamina C ogni 100 g – il doppio di quella contenuta nelle arance – e si può frullare crudo negli smoothie.

CIPOLOTTO

Di solito i cipollotti si comprano a mazzi. Possibilmente, dovrebbero essere cucinati freschi. La loro freschezza si denota dalle foglie verdi: più queste sono croccanti, più i bulbi sono freschi. In frigorifero rimangono freschi per due o tre giorni. Se non avete sotto mano dei cipollotti, si può cuocere nella minestra un po’ di porro. Per la decorazione è adatta dell’erba cipollina tagliata a rondelle.

ZENZERO

Nei rizomi di zenzero freschi è commestibile anche la sottile buccia marrone. I tuberi più vecchi si possono sbucciare facilmente con il pelapatate. Se qualche pezzo di zenzero avanza, si può essere congelato. La prossima volta, si può grattugiare solo la quantità necessaria e il resto rimesso in congelatore. Con ciò che avanza si può anche fare una calda e speziata tisana di zenzero.

POMODORO

I pomodori sono più gustosi quando sono ben maturi. Meglio se la maturazione avviene sulla pianta. Molti tipi di pomodori coltivati in serra raccolti acerbi e, anche se poi maturano e diventano morbidi, tendono ad avere poco sapore. I pomodori non vanno conservati in frigorifero perché col freddo perdono il loro sapore. I pomodori vanno conservati in un luogo ben arieggiato, ad una temperatura ideale compresa  tra 12 e 18 gradi.

ANGURIA

Le angurie mature si riconoscono dalla buccia opaca. Quelle lucide, in genere, sono ancora acerbe. Anche il peso può fornire indicazioni sul grado di maturazione, in quanto le angurie mature sono più pesanti di quelle acerbe.