Kiwi

Malgrado l’aspetto il kiwi è una bacca ed è originario della Cina, motivo per cui è denominato anche “uva spina cinese”.

Fu introdotto in Europa già a metà del XIX secolo, ma solo come pianta ornamentale. Nel corso del XX secolo in Nuova Zelanda si è cominciato a coltivare la pianta per la produzione di frutta e le è stato dato il nome dell’omonimo uccello neozelandese. Da allora il kiwi si è diffuso sempre più sui mercati europei. Il modo più semplice per mangiare un kiwi è dividerlo in due ed estrarre la polpa col cucchiaino.

La stagione del kiwi dura tutto l’anno, tuttavia non è un frutto indigeno.


Tabella dei valori nutritivi

per 100 g di parte commestibile
Energia Sostanze nutritive Sostanze minerali Vitamine
54 kcal Proteine 1.1 g Sodio 4 mg B2 0.04 mg
229 KJ Grassi 0.6 g Potassio 287 mg B3 0.4 mg
  Carboidrati 9.9 g Calcio 27 mg B6 0.13 mg
  Fibre alimentari 2.5 g Fosforo 37 mg C 80 mg
    Magnesio 17 mg E 0.5 mg
       

Energia: 54 kcal, 229 KJ

Sostanze nutritive: Proteine 1.1 g, Grassi 0.6 g, Carboidrati 9.9 g, Fibre alimentari 2.5 g

Sostanze minerali: Sodio 4 mg, Potassio 287 mg, Calcio 27 mg, Fosforo 37 mg, Magnesio 17 mg

Vitamine: B2 0.04 mg, B3 0.4 mg, B6 0.13 mg, C 80 mg, E 0.5 mg

L’avrebbe saputo?

Il kiwi è particolarmente ricco di vitamina C e ne contiene più delle arance. Un grosso kiwi di 120 g copre il fabbisogno giornaliero di vitamina C di un adulto (100 mg al giorno).

1 porzione corrisponde

a 1 kiwi e mezzo