Sostanze vegetali secondarie

Le sostanze vegetali secondarie sono composti presenti in frutta, verdura, patate, legumi, frutta a guscio e prodotti integrali e conferiscono il colore e l’aroma agli alimenti di origine vegetale, proteggono la pianta da parassiti e malattie e regolano la crescita vegetale.

Esistono oltre 100‘000 differenti sostanze vegetali secondarie, circa 5‘000 – 10‘000 delle quali sono presenti negli alimenti. A seconda del tipo di dieta alimentare, ogni giorno si assumono con il cibo circa 1 – 1,5g di sostanze vegetali secondarie.

Alle sostanze vegetali secondarie sono attribuite diverse proprietà benefiche, svolgono ad esempio azione antinfiammatoria, abbassano la pressione sanguigna e riducono il colesterolo. Sono comunque ancora in corso ricerche per accertare l’esatta funzione di queste sostanze e il loro effetto sull’organismo umano tanto che finora non è stata ancora determinata la dose giornaliera raccomandata.

Le sostanze vegetali secondarie sono classificate in base alla loro struttura chimica e alle loro proprietà e sono denominate carotenoidi, flavonoidi, glucosinolati, monoterpeni, polifenoli, fitoestrogeni, fitosteroli, saponine e solfuri.