Carota

La carota è un tubero. La sua provenienza esatta non è nota, ma forme selvatiche sono diffuse sia in Asia che nell’Europa meridionale.

Ce ne sono tantissime varietà: da quelle piccole e rotonde, a quelle grandi e lunghe (alcune delle quali possono raggiungere il peso di 4 kg), a quelle giganti utilizzate solo come mangime per il bestiame. Le carote hanno un piccolo nucleo fibroso. Un nucleo che presenta la stessa colorazione intensa del resto della carota è indice di buona qualità. Quando sono fresche le carote non si possono piegare e se ci si prova si spezzano. Il tenore di zucchero è più alto nelle prime carote raccolte in primavera che non in quelle raccolte in autunno o in inverno. Le si dovrebbe conservare separate dalle mele, altrimenti assumono un sapore amaro. Il colore delle carote può andare dal bianco al giallo o all’arancione. L’intensità del colore è data dal tenore di beta-carotene.

La stagione della carota va tutto l’anno.


Tabella dei valori nutritivi

per 100 g di parte commestibile
Energia Sostanze nutritive Sostanze minerali Vitamine
38 kcal Protein 0.8 g Sodio 40 mg A 767 µg
158 KJ Grassi 0.3 g Potassio 300 mg Betacarotene 7652 µg
  Carboidrati 6.6 g Calcio 30 mg B6 0.16 mg
  fibres alimentaires 2.6 g Fosforo 25 mg C 7 mg
    Magnesio 14 mg E 0.5 mg
       

Energia: 38 kcal, 158 KJ

Sostanze nutritive: Protein 0.8 g, Grassi 0.3 g, Carboidrati 6.6 g, fibres alimentaires 2.6 g

Sostanze minerali: Sodio 40 mg, Potassio 300 mg, Calcio 30 mg, Fosforo 25 mg, Magnesio 14 mg

Vitamine: A 767 µg, Betacarotene 7652 µg, B6 0.16 mg, C 7 mg, E 0.5 mg

L’avrebbe saputo?

Il colore delle carote può andare dal bianco, al giallo o all’arancione. L’intensità del colore è data dal tenore di beta-carotene. Le carote giovani contengono fino al sei per cento di zucchero, mentre quelle raccolte più tardi ne hanno molto meno. Oltre al beta-carotene le carote contengono molto potassio e, in confronto ad altre verdure, anche molti carboidrati.

1 porzione corrisponde

a due carote